Reindirizzamento USB RemoteFX



Contenuto

  1. Che cos'è RemoteFX?
  2. Reindirizzamento USB RemoteFX vs software di condivisione USB dedicato
  3. Software di reindirizzamento USB: accedi ai dispositivi USB nella
    sessione RDP

Che cos'è RemoteFX?


Come sappiamo, il sistema operativo Windows ha una funzione molto utile chiamata Desktop remoto. Funziona bene con le app, ma quando si tratta di guardare un video o giocare a un videogioco, è probabile che si ottenga solo una "presentazione". Inoltre, è piuttosto scomodo che il Protocollo PDP non consente il reindirizzamento di una vasta gamma di dispositivi USB collegati localmente.

Per risolvere questi e molti altri problemi, Calista Technologies ha sviluppato il Tecnologia RemoteFX.

RemoteFXè un insieme di protocolli utilizzati per la consegna di desktop virtuali Windows su LAN. Questa tecnologia consente il reindirizzamento USB RDP ai sistemi operativi guest, il che significa che è possibile accedere alle periferiche inserite nell'host quando si lavora nella macchina virtuale.

Reindirizzamento USB RemoteFX


A partire da Windows Server 2012 e versioni successive, RemoteFX offre funzionalità estese per il reindirizzamento USB su RDP. Questi includono:

  • Inoltro dinamico di dispositivi USB a una sessione remota. È possibile reindirizzare l'USB a una sessione remota non solo all'inizio di tale sessione (al momento in cui viene stabilita la connessione all'host) ma anche quando una sessione è già in esecuzione.
  • Inoltro USB a qualsiasi macchina virtuale indipendentemente dal fatto che sia assegnata o meno una GPU dedicata.
  • La possibilità di reindirizzare in modo indipendente i dispositivi USB sulla stessa macchina virtuale da diversi client. Ad esempio, è possibile inoltrare diverse unità flash USB, che sono fisicamente connesse a client diversi, a una VM con un guest Windows 8 Enterprise e ciascuno di questi dispositivi sarà isolato e disponibile solo nella sessione durante la quale è stato condiviso.

Reindirizzamento USB RemoteFX vs software di condivisione USB dedicato


Probabilmente la più grande difficoltà che potresti incontrare quando provi ad usare RemoteFX è la configurazione complessa che richiede. Inoltre, devi assicurarti che:

  • si esegue Windows Server 2012, 2012 R2 o 2016 sull'host della sessione RDS;
  • la funzionalità Esperienza desktop è installed; Come abilitare il reindirizzamento del dispositivo USB RemoteFX
  • si esegue Windows 7 SP1 (con Connessione desktop remoto 8.1), Windows 8.1 o Windows 10 sul desktop VDI;
  • Esegui il client 2.x.x di Windows Workspot sul tuo sistema client. (Dovresti avere un client compatibile con RemoteFX (Remote Desktop Connection 8.1 o successivo)).

Come puoi vedere, ci sono molti requisiti per abilitare la funzione di reindirizzamento USB RemoteFX.

D'altra parte, esiste una soluzione alternativa che fornisce la funzionalità di reindirizzamento USB del desktop remoto e semplifica l'accesso ai dispositivi USB locali da un desktop virtuale.

Redirector USB di Electronic Team, Inc. è progettato per inoltrare i dispositivi su RDP in modo tale che appaiano in un sistema remoto come se fossero fisicamente collegati a quella macchina. La cosa fantastica è che non è necessario effettuare alcuna configurazione complessa. Bastano un paio di clic per connettersi al dispositivo USB locale da un PC remoto.

Software di reindirizzamento USB: accedi ai dispositivi USB tramite RDP


Per ora, i metodi nativi del protocollo RDP consentono di reindirizzare solo i dispositivi di determinati tipi. Spesso si tratta di stampanti e unità flash USB. Ma se desideri inoltrare le periferiche USB senza limitazioni relative al tipo di dispositivo, puoi optare per il Redirector USB come USB Network Gate (UNG).

Il software ti aiuterà a condividere una porta USB fisica con il tuo desktop virtuale. Ciò significa che qualsiasi dispositivo inserito nella porta condivisa sarà disponibile per la connessione remota mentre si lavora su RDP. Se si scollega una periferica e ne si collega un'altra, quest'ultima verrà reindirizzata automaticamente al desktop remoto.

Ora vediamo come funziona questo software dedicato:


Prima di tutto, devi farlo installa l'app su entrambi i computer che prenderanno parte alla connessione:


1
La macchina su cui condividerai il dispositivo tramite RDP. Lo chiameremo UNG Server. La periferica richiesta è collegata fisicamente a questo PC. Su questo computer, si esegue il client per il protocollo RDP di Microsoft.
2
Il desktop remoto da cui si accederà al dispositivo condiviso. Lo chiameremo client UNG. Stai eseguendo il componente server per il protocollo Microsoft RDP su quel PC.

Una volta fatto, segui questi semplici passaggi:

Sul client RDP:


  1. Installa e avvia USB Network Gate.
  2. Nella scheda "Dispositivi locali", trova la porta/dispositivo USB richiesto e fai clic su "Condividi" accanto ad essa.
  3. Connettersi al desktop remoto tramite Connessione desktop remoto.

Sul server RDP:


  1. Immettere la password se richiesta.
  2. Avvia il software.
  3. Trova la periferica condivisa nella scheda "Dispositivi remoti" dell'app e fai clic su "Connetti".

Quindi, ora quando ti connetti al Terminal Server su RDP e ottenere l'accesso al dispositivo USB condiviso localmente utilizzando il software di reindirizzamento USB, la periferica apparirà in Gestione dispositivi del server e tutti i programmi installati su quel computer funzioneranno con esso come se il dispositivo fosse collegato direttamente al server.

Connessione a dispositivi USB remoti su Linux


L'edizione software per Linux supporta il reindirizzamento USB RemoteFX [MS-RDPEUSB], ciò significa che è possibile inoltrare i dispositivi USB condivisi da una macchina server che esegue il sistema operativo Linux a una macchina client Windows.

Il client dovrebbe essere Windows 8 (macchina reale o virtuale) o Hyper-V con Windows 7 SP 1, con l'aggiunta della GPU RemoteFX, avviata su Windows Server 2008 R2 SP 1 o Server 2012.

Ecco il comando che dovresti eseguire:

xfreerdp-usb [shared-ports] xfreerdp-args

Dove sono gli argomenti:

  • porte condivise: elenco separato da virgole di porte TCP per dispositivi USB condivisi tramite USB Network Gate. Se non ci sono porte specificate, tutti i dispositivi USB condivisi verranno reindirizzati.

  • xfreerdp-args : argomenti da passare a xfreerdp.

Per esempio:

  • Reindirizza tutti i dispositivi USB condivisi:
    xfreerdp-usb -u User -p Pass 192.168.0.123

  • Reindirizzare i dispositivi USB condivisi sulle porte TCP 1909 e 1910:
    xfreerdp-usb 1909,1910 -u User -p Pass 192.168.0.123

Se ottieni SSL_read: I/O errore, dovresti aggiungere “--rfx” parametro senza virgolette prima dell'indirizzo IP.

USB Network Gate

Requisiti per Windows (32-bit e 64-bit): XP/Vista/7/8/10, Windows Server 2003/2008/2012/2016/2019
Disponibile anche su macOS, Linux OS e Android , 6.08MB dimensione
Versione 8.2.2087 (9 Genn, 2020) Note di rilascio
Categoria: CommunicationApplication